Passato prossimo del Nuovo teatro musicale

Alcune produzioni sono destinate a trovare riconoscenza solo in determinati ambiti, idealmente compartecipi di quello sforzo, mancando inevitabilmente l’appuntamento con il grande pubblico: in tempi recenti anche la morte di un accreditato compositore italiano (ndr, Sylvano Bussotti) ha sollevato malumori di tal sorta, dedicati stavolta al silenzio della stampa nazionale generalista. Si tratterebbe allora di un caso molto particolare se la produzione di e la riflessione su la musica contemporanea non godessero ancora di questo particolare privilegio, schiacciata come sembra (la musica contemporanea) tra lo specialismo degli addetti ai lavori… Continua a leggere

TRE LIBRI PER IL FEMMINISMO

La letteratura è luogo ove trovar refrigerio dopo un lungo cammino. Essa è fonte a cui attingere per distillare essenza. É un mezzo mediante il quale comprendere il reale e abbandonare una dimensione del vero spesso limitata e intrisa di menzogna. È, in sostanza, un incantesimo grazie al quale allontanarsi dal buio dell’ignoranza: ci desta dal torpore maligno insito nell’inettitudine e libera da convincimenti inesatti. La letteratura può intrecciarsi, avvolta in un filo inestricabile, all’ideologia femminista. Sono innumerevoli le donne che, in epoche storiche differenti, hanno usato le loro conoscenze… Continua a leggere

LA FILOSOFIA POSTMODERNA E IL CINEMA DI DAVID CRONENBERG | Intervista al critico cinematografico e scrittrice Martina Puliatti

In un periodo difficile come questo, la società si trova di fronte ad un cambiamento per non permettere la dissoluzione dei desideri, alla base della realizzazione dei propri sogni. Bisognerebbe accogliere la crisi per accettare il nuovo sé, con maggiore consapevolezza del proprio desiderio, avente delle “linee di fuga”. La “macchina desiderante” è una forza prorompente, colei che accompagna il decorrere della vita, senza la quale si perderebbe la propria energia di evoluzione. Il desiderio, quindi, è il protagonista di molte elaborazioni cinematografiche, come quelle sviluppata dal regista David Cronenberg…. Continua a leggere

Il “Gazzettino di Wonbaraccopoli” e “L’Attesa”: giornalismo nei campi di prigionia della Grande Guerra nel nuovo saggio di Giuseppe Ferraro.

Sono nomi emblematici, scelti per raccontare una realtà disumana da umanizzare, quelli in capo ai fogli di giornale circolanti nel campo di prigionia di Dunaszerdahely, allora in territorio ungherese, ai tempi della Grande Guerra. Il “Gazzettino di Wonbaraccopoli” e “L’Attesa”, forme di una resistenza silente a una condizione di vita vissuta aspettando la libertà, sono stati oggetto di un interessante studio storico operato da Giuseppe Ferraro in un saggio edito da Pubblisfera, che le raccoglie e commenta, in quanto testimonianza singolare di un conflitto che non si combatte soltanto in… Continua a leggere

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO | Jane Austen

Orgoglio e Pregiudizio risulta essere il romanzo più celebre di Jane Austen. Tra i suoi molteplici lavori, è il testo maggiormente letto ed è stato, inoltre, usato per varie trasposizioni cinematografiche che hanno contribuito a incrementarne il successo. Si configura come un romanzo innovativo e moderno oltre che estremamente utile per comprendere la società del tempo. LA VITA Jane Austen nasce nel 1775 nella contea di Hampshire. Ha una famiglia numerosa: sono sei maschi e due femmine. La scrittrice fu estremamente legata alla sorella Cassandra alla quale indirizzò innumerevoli lettere… Continua a leggere

“Utopia dell’ascolto: intorno alla musica di Walter Branchi” | Il Sileno Edizioni inaugura la sezione “Musical languages”

Il Sileno · Edizioni non ferma la sua attività nemmeno durante la settimana di Ferragosto. L’ultimo volume, “Utopia dell’ascolto: intorno alla musica di Walter Branchi”, a cura di Antonio Mastrogiacomo, con i contributi di Ambra Benvenuto, Valentina Bertolani, Maurizio Farina, Francesco Galante, Eugenio Giordani, Antonio Mastrogiacomo, Michela Mollia, Luigino Pizzaleo, Gianni Trovalusci, è stato pubblicato all’interno della sezione “Musical Languages”. Il progetto grafico è a cura di Franco Bilotta, coordinatore de Il Sileno · Rivista Divulgativa. Riassunto Nella storia del materiale musicale il “suono inventato” dalle tecnologie elettroniche permette di operare in funzione di… Continua a leggere

ANTONIA POZZI E LA POESIA

Antonia Pozzi è una delle maggiori poetesse italiane. Nella sua breve esistenza ebbe modo di comporre un vasto numero di versi che costituiscono un dono inestimabile per la letteratura contemporanea. Il percorso dell’autrice non venne mai riconosciuto in vita. A oggi, invece, è oggetto di una riscoperta sul piano internazionale. LA VITA Antonia Pozzi nasce a Milano nel febbraio del 1912. I genitori provengono da classi sociali molto diverse fra loro: il padre, Roberto, è un avvocato noto nell’ambiente milanese e discende da un’umile famiglia; la madre, invece, è la… Continua a leggere

A Lamezia Terme presentazione del libro “Fra me e me, fra me e il mondo. Diario di una quarantena” del giornalista Salvatore D’Elia

Si svolgerà a Lamezia Terme, in via Aldo Moro, nei locali all’aperto della caffetteria Falvo, uno dei primi eventi culturali che rompono il silenzio in città dopo la lunga pausa del lockdown. Si tratta della presentazione di un libro che ripercorre proprio il periodo “caldo” della quarantena, attraverso una narrazione diariastica limpida e puntuale, che mescola elementi d’attualità e spunti introspettivi. L’autore è il giovane giornalista lametino Salvatore D’Elia, già coautore, insieme allo scomparso scrittore e attivista Antonio Saffioti, del volume “Respirare. La tracheotomia: scelta e sfida per una vita… Continua a leggere

Cosa resta del Covid: il primo impatto sulla produzione letteraria. Intervista a Daniela Rabia.

Chi di noi durante la quarantena non ha tenuto un diario, o quantomeno preso appunti, tartassato di note una pagina, per dare modo a quelle giornate apparentemente vuote di lasciare un segno, una traccia nel tempo? La Storia dimostra che è un istinto connaturato nell’uomo quello di scrivere quando sembra che le cose sfuggano di mano: se non siamo capaci di controllarle, cerchiamo istintivamente di analizzarle, anche a far sì che qualcuno dopo di noi possa avvalersi in situazioni analoghe delle nostre riflessioni, per capire, ricordare, sapere di non essere… Continua a leggere

EMOZIONI VIRALI · Le voci dei medici dalla pandemia

Roma 2 luglio 2020 | Trentasette racconti, in maggioranza di donne medico, ambientati soprattutto nelle zone e nei “fronti” più colpiti come la Lombardia e la medicina di base, ma che spiegano anche come la “fase 1” sia stata vissuta da tutti i medici italiani con angoscia e rischi crescenti, ma pure con spirito di condivisione. Tutto nasce da un gruppo Facebook per soli medici, al quale durante il lockdown si sono iscritti oltre centomila sanitari, in cerca di aiuto professionale, psicologico e pratico. Fra tanti post tecnici, non mancavano… Continua a leggere