Filosofi(e)Semiotiche

ISSN: 2531-9434

Open Access Scientific Journal (double-blind peer review)

Home

Filosofi(e)Semiotiche pubblica due numeri l'anno, raccolti in un volume.

Filosofi(e)Semiotiche, Vol. 5, n. 1 (Luglio 2018)

Call for papers

Terminus a quo

Editor: Giorgio Lo Feudo (Università della Calabria)

Scadenza presentazione contributi: 20 giugno 2018

Notifica approvazione contributi: 10 luglio 2018

Pubblicazione: 30 luglio 2018

Si tratta di una locuzione latina che Umberto Eco (1932-2016) ha utilizzato la prima volta nel Trattato di Semiotica Generale (1975) e che ha poi approfondito nel successivo Kant e l'ornitorinco (1997). Letteralmente significa limite dal quale e la funzione che essa svolge nella semiotica filosofica di Eco, consiste nell'indicazione dell'elemento reale o comunque extra linguistico che spinge, meglio spingerebbe, a comunicare originando di fatto segni e semiosi. La conseguenza di tale assunto è che le costruzioni rappresentative operate dalla mente non avanzerebbero liberamente ma sempre sotto l'egida di alcuni precisi e stabili vincoli epistemologici se non ontologici. La call che ora si lancia intende proporre un'analisi delle basi o origini extralinguistiche della semiosi e nel farlo non vuole ovviamente tralasciare l'ampio e articolato dibattito che da tempo è incentrato sull'esistenza o meno di tali basi. A favore di questa ipotesi c'è il già nominato terminus a quo mentre a suo sfavore c'è l'altra locuzione di matrice Echiana, terminus ad quem, anch'essa elaborata nel Trattato, che significa limite al quale e che, al contrario della prima, perora l'idea secondo cui l'oggetto extra linguistico, posto evidentemente in gioco dalla semiosi, possa essere raggiunto e conosciuto solo per via logico-inferenziale. Tra coloro che in qualche modo concordano sulla necessità di presupporre il terminus a quo, troviamo C.S. Peirce secondo il quale, com'è noto, “i principi generali sono operativi in natura” (2003), ma anche le teorie secondo cui l'origine del segno è dovuta a “...un processo di progressiva denaturalizzazione di un comportamento spontaneo” (Cimatti, 1999, 67). Insomma, il tema che verrà trattato nel prossimo numero di Filosofi(e)semiotiche si riassume, senza esaurirsi, in ciò che abbiamo esposto nelle righe precedenti; esso è evidentemente molto più ampio e pertanto risulta afferrabile con profitto da molteplici contesti disciplinari quali, per citarne alcuni, quelli logico-semiotici, linguistico-comunicativi, traduttologici, ontologici ed epistemologici, ma anche fisici, matematici e quant'altro.

Riferimenti bibliografici:

Cimatti F., Manuale della comunicazione, Carocci, Roma, 1999;

Eco U., Trattato di Semiotica generale, Bompiani, Milano, 1975;

Id., Kant e l'ornitorinco, Bompiani, Milano, 1997;

Peirce C.S., Opere, M. Bonfantini (a c. di), Bompiani, Milano, 2003;

Note per gli autori

Lunghezza massima contributi: 40000 battute (spazi inclusi) per gli articoli (compresa la bibliografia); 20000 battute (spazi inclusi) per le interviste e le rassegne; 10000 battute (spazi inclusi) per le recensioni.


Filosofi(e)Semiotiche, Vol. 5, n. 1 (July 2018)

Call for papers

Terminus a quo

Editor: Giorgio Lo Feudo (Università della Calabria)

Submission Deadline: June 20, 2018

Notification of acceptance: July, 10, 2018

Publication date: July, 30, 2018

This is a Latin phrase that Umberto Eco (1932-2016) used for the first time in the Trattato di Semiotica generale (1975) and which he then explored in the following Kant e l'ornitorinco (1997). Literally it means limit from which and the function that it carries out in the philosophical semiotics of Eco, consists in the indication of the real element or anyway extra linguistic that pushes, better may push, to communicate originating in fact signs and semiosis. The consequence of this assumption is that the representative constructions made by the mind would not move freely but always under the aegis of some precise and stable epistemological if not ontological constraints. The call that now launches intends to propose an analysis of the bases or extra-linguistic origins of semiosis and in doing so does not want to leave out the wide and articulated debate that has long focused on the existence or otherwise of such bases. In favor of this hypothesis there is the already named terminus a quo while to his disadvantage there is the other term of Echian matrix, terminus ad quem, also elaborated in the Trattato, which means limit to which and that, on the contrary of the first, perpetuates the idea that the extra-linguistic object, evidently placed at stake by semiosis, can be reached and known only through a logical-inferential way. Among those who somehow agree on the need to presuppose the terminus a quo, we find C.S. Peirce according to which, as it is known, "the general principles are operative in nature" (2003), but also the theories according to which the origin of the sign is due to "... a process of progressive denaturalization of spontaneous behavior" (Cimatti, 1999, 67). In short, the theme that will be dealt with in the next issue of Filosofi(e)semiotiche is summarized, without running out, in what we have shown in the previous lines; it is evidently much wider and therefore can be grasped profitably by multiple disciplinary contexts such as, to name a few, the logical-semiotic, linguistic-communicative, translatological, ontological and expystemological, but also physical, mathematical and so on.

References:

Cimatti F., Manuale della comunicazione, Carocci, Roma, 1999;

Eco U., Trattato di Semiotica generale, Bompiani, Milano, 1975;

Id., Kant e l'ornitorinco, Bompiani, Milano, 1997;

Peirce C.S., Opere, M.Bonfantini (a c. di), Bompiani, Milano, 2003.

Articles are accepted in English, Italian and French. All entries submitted must be prepared by the author for anonymous evaluation. Therefore it is necessary that the author’s name, his/her possible membership to an institution, and the title of the article are reported in a different file from the one containing the text. The contribution must be sent in electronic format. Doc or. RTF to filosofiesemiotiche.ilsileno@gmail.com.

Notes for authors

Maximum length of contributions: 40,000 characters (including spaces) for items (including bibliography); 20,000 characters (including spaces) for interviews and exhibitions; 10,000 characters (including spaces) for reviews.


Filosofi(e)Semiotiche, Vol. 5, n. 1 (Juillet 2018)

Call for papers

Terminus a quo

Éditeur : Giorgio Lo Feudo (Université de Calabre)

Date d’échéance de présentation des contributions : 20 Juin 2018

Notification d’approbation : 10 Juillet 2018

Publication : 30 Juillet 2018

Il s’agit d’une locution latine qu’Umberto Eco a utilisé la première fois dans le Trattato di Semiotica generale (1975) et a approfondit ensuite dans le Kant e l'ornitorinco (1997) littéralement cela signifie limite de laquelle et la fonction qu’elle exerce dans la sémitique philosophique d’Eco, consiste dans l’indication de l’élément réel ou néanmoins extra linguistique qui pousse, ou mieux qui pousserait, à communiquer donnant ainsi vie à des signes et des sémioses. La conséquence d’une telle hypothèse est que les constructions représentatives réalisées par l’esprit ne progresseraient pas librement mais sous l’égide de certains liens épistémologiques précis et stables, si ce n’est ontologiques. Le but de cet article est de proposer une analyse des bases ou des origines extralinguistiques de la sémiose mais il ne veut certainement pas omettre le débat ample et articulé qui depuis longtemps se concentre sur l’existence de telles bases. En faveur de cette hypothèse il y a le terminus a quo déjà nommé tandis que contre cette supposition nous avons l’autre locution tirée d’Umberto Eco, terminus ad quem, elle aussi élaborée dans le Trattato, qui signifie limite à laquelle et qui, contrairement à la première, plaide l’idée selon laquelle l’objet extralinguistique, évidemment mis en jeu par la sémiose, puisse être connue seulement à travers un canal logico-inférentiel. Parmi ceux qui concordent en quelque sorte sur la nécessité de présupposer le terminus a quo, nous trouvons C.S. Peirce selon lequel, comme on le sait, "les principes généraux sont réellement opératifs dans la nature" (2003), mais également les théories selon lesquelles l’origine du signe est due à un procès de progressive dénaturalisation d'un comportement spontané (Cimatti, 1999, 67). Bref, le thème qui sera traité dans le prochain numéro de Filosofi(e)semiotiche se résume, sans pour autant s’épuiser, en ce que nous avons exposé dans les lignes précédentes; celui-ci est évidemment bien plus vaste et peut être, par conséquent, envisagé par de nombreux contextes disciplinaires parmi lesquels, pour en citer quelques-uns, les contextes logico-sémiotiques, linguistico-communicatifs, traductologiques, ontologiques, et épistémologiques, mais aussi, physiques, mathématiques et ainsi de suite.

Bibliographie:

Cimatti F., Manuale della comunicazione, Carocci, Roma, 1999;

Eco U., Trattato di Semiotica generale, Bompiani, Milano, 1975;

Id., Kant e l'ornitorinco, Bompiani, Milano, 1997;

Peirce C.S., Opere, M.Bonfantini (a c. di), Bompiani, Milano, 2003;

Les articles sont acceptés en italien, en anglais et en français. Toutes les contributions envoyées pour l’évaluation doivent être préparées par l’auteur sous forme anonyme. Il est donc nécessaire que le nom, l’éventuelle appartenance à une institution et le titre de l’article soient indiqués dans un dossier différent de celui qui contient le texte.La contribution doit être envoyée sous forme électronique .doc ou .rtf a filosofiesemiotiche.ilsileno@gmail.com.

Notes pour les auteurs

Longueur maximum des contributions

40000 signes (espaces y compris) pour les articles (y compris la bibliographie) ;

20000 signes (espaces y compris) pour les interview et les revues ;

10000 signes (espaces y compris) pour les recensions.

L'Associazione Scientifico-Culturale "Il Sileno" edita una rivista specialistica on-line denominata "Filosofi(e)Semiotiche", ISSN 2531-9434, che ospita saggi di Filosofia del Linguaggio e Semiotica generale e specifiche. La qualità scientifica degli articoli è garantita da una procedura anonima di referaggio "doppio cieco" (double blind peer review). I contributi potranno essere volontari o su invito. Per questi ultimi, scritti da studiosi di elevata competenza, non avrà luogo il referaggio e verranno indicati come Invited articles. La rivista, infatti, ha un Comitato Scientifico coordinato dal Prof. Giorgio Lo Feudo, professore aggregato di Filosofia del Linguaggio. Filosofi(e)Semiotiche pubblica due numeri l'anno, raccolti in un volume.

Licenza Creative Commons Gli articoli pubblicati su questo giornale sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia. Agli autori non sono richiesti contributi economici.

Comitato scientifico

  • Donata Chiricò, Ricercatrice/Professore aggregato di Filosofia del Linguaggio
  • Felice Cimatti, Associato, abilitato ordinario di Filosofia del Linguaggio
  • Anna De Marco, Associato di Linguistica
  • Emanuele Fadda, Associato di Filosofia del Linguaggio
  • Giorgio Lo Feudo, Ricercatore/Professore aggregato di Filosofia del Linguaggio – Coordinatore
  • Marco Mazzeo, Associato di Filosofia del Linguaggio
  • Maria Pia Pozzato, Associato di Filosofia del Linguaggio
  • Massimo Prampolini, già Associato di Filosofia del Linguaggio
  • Claudia Stancati, Associato di Filosofia del Linguaggio


Comitato Direttivo

  • Francesco De Pascale (Direttore Responsabile)
  • Giorgio Lo Feudo (Coordinatore Scientifico)
  • Valeria Dattilo (Caporedattore, Dottore di Ricerca in Filosofia del Linguaggio)




Licenza Creative Commons Gli articoli pubblicati su questo giornale sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia. Agli autori non sono richiesti contributi economici.

Norme Editoriali

L’articolo proposto dovrà essere suddiviso in due file: un file anonimo con il testo e un altro file contenente il nome dell’autore, l’eventuale afferenza universitaria e l’indirizzo e-mail di riferimento per le comunicazioni da parte della redazione. La segreteria di "Filosofi(e)Semiotiche" assegnerà un numero progressivo al file contenente l’articolo anonimo, corrispondente al numero assegnato al file contenente le informazioni sull’autore. Il file con l’articolo sarà inviato ai referee, la cui valutazione sarà resa nota all’autore dalla segreteria della rivista. Al termine del processo di referaggio il nome dell’autore verrà apposto anche sulla copia anonima.

Tutti i contributi saranno inviati in formato digitale all’indirizzo filosofiesemiotiche.ilsileno@gmail.com Il file dovrà avere estensione .doc o .rtf. Saranno accettati articoli in lingua italiana, inglese, francese, tedesca, spagnola, russa.

I testi dovranno rispettare i seguenti parametri di lunghezza: 40000 battute (spazi inclusi) per gli articoli (compresa la bibliografia); 20000 battute (spazi inclusi) per le interviste e le rassegne; 10000 battute (spazi inclusi) per le recensioni.

Gli abstract di circa 200 parole, inviati a corredo degli articoli, dovranno essere scritti in lingua inglese e trasmessi separatamente.

I testi saranno redatti in Times New Roman corpo 12, interlinea 1 con capoversi.

Il titolo dell’articolo sarà posto a sinistra, in corpo 14 grassetto.

Sotto il titolo dell’articolo saranno indicati: l’autore (corpo 12 tondo, posto immediatamente sotto il titolo), l’istituto o università di afferenza e un indirizzo di posta elettronica (corpo 10 tondo), separati di due righe dall’inizio del testo.

I paragrafi saranno numerati in cifre arabe e i sottoparagrafi seguiranno la numerazione araba regolati dal punto (es. 1. - 1.1. - 1.2.3. ecc.). I titoli di paragrafi e sottoparagrafi saranno in corpo 12 grassetto, separati di due righe rispetto alla fine del paragrafo precedente.

Se fosse necessario utilizzare nell’articolo altri tipi di carattere, il font utilizzato dovrà essere copiato e inviato insieme al testo.

Il corsivo dovrà essere utilizzato soltanto per sottolineare o mettere in evidenza termini e/o brevi periodi di particolare rilievo, così come per le parole-chiave.

Eventuali note saranno poste a piè di pagina (corpo 10 tondo).

I riferimenti bibliografici interni al testo avranno la seguente forma: (COGNOME anno).

Le citazioni saranno comprese tra virgolette basse, seguite dal riferimento bibliografico (COGNOME anno: pagine).

Gli esempi o le citazioni che superano le due righe di lunghezza saranno separate dal testo da una linea bianca, prima e dopo, rientrati a sinistra e a destra di 1 cm, in corpo 11 tondo. Gli esempi saranno numerati in cifre arabe tra parentesi, es: (1), (2). Per le citazioni, invece, il riferimento bibliografico seguirà immediatamente il testo nella forma che segue: (COGNOME anno: pagine). Occorre indicare, inoltre, l’eventuale traduzione dell’autore (trad. mia).

I riferimenti bibliografici alla fine dell’articolo avranno la seguente forma: Libri: COGNOME, Nome (anno), [a cura di,] Titolo del libro, Città, Casa editrice. Articoli: COGNOME, Nome (anno), «Titolo dell’articolo» in Titolo della rivista, n. xx, pp. yy-zz oppure in COGNOME, Nome (anno), [a cura di,] Titolo del libro, Città, Casa editrice, pp. yy-zz. Articoli online: COGNOME, Nome (anno), «Titolo dell’articolo» in Titolo della rivista, n. xx, pp. yy-zz, http://ilsileno.it/filosofiesemiotiche

Eventuali immagini, grafici, tabelle dovranno essere inviate (oltre che nel testo del contributo) in un file separato rispetto a quello del contributo, numerate in numeri arabi (es: f.1 f.2, t.1 t.2) e indicando la corretta posizione nel testo. Per la definizione ottimale delle immagini, si preferiscono le seguenti dimensioni: estensione .jpg e 300 dpi.

Licenza Creative Commons Gli articoli pubblicati su questo giornale sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia. Agli autori non sono richiesti contributi economici.

Comitato di redazione

Direttore Responsabile (Editor-in-Chief): Francesco De Pascale

  • Valeria Dattilo (Dottore di Ricerca) - Redattore Capo
  • Giuseppe Palazzo




Licenza Creative Commons Gli articoli pubblicati su questo giornale sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia. Agli autori non sono richiesti contributi economici.

Call for papers

Per accedere alla sezione "Call for Papers" cliccare sul link seguente:

http://www.ilsileno.it/callforpapers_filosofiesemiotiche/  



Home | Filosofi(e)Semiotiche

Codice Etico

"Filosofi(e)Semiotiche" è una rivista scientifica Open Access.


1) Doveri del direttore, del coordinatore del comitato scientifico, dei curatori dei singoli fascicoli, del Comitato Scientifico e del Comitato di Redazione

• Al direttore, di concerto col coordinatore del comitato scientifico (d’ora in poi “coordinatore”), spetta la decisione ultima di pubblicare gli articoli sottoposti alla Rivista.
• Il direttore, avuto l'assenso del coordinatore, può chiedere il supporto dei curatori dei singoli fascicoli e/o dei membri del Comitato Scientifico.
• Il direttore, il coordinatore, i curatori dei singoli fascicoli e i revisori, sono tenuti a valutare i manoscritti per il loro contenuto scientifico, senza distinzione di razza, sesso, orientamento sessuale, credo religioso, origine etnica, cittadinanza, orientamento scientifico o politico degli autori.
• Il direttore, il coordinatore, i curatori dei singoli fascicoli, il Comitato Scientifico e il Comitato di Redazione sono tenuti a non divulgare alcuna informazione sui manoscritti ricevuti a soggetti diversi dagli autori e revisori.
• Nel caso in cui il direttore, coadiuvato dal coordinatore, rilevi o riceva segnalazioni in merito ad errori, imprecisioni o conflitto di interessi in un articolo pubblicato, ne dà tempestiva comunicazione all’autore e intraprende le azioni necessarie per chiarire la questione e, in caso di necessità, ritirare l’articolo e/o pubblicare una rettifica.


2) Doveri dei revisori


• I revisori assistono il direttore, il coordinatore e i curatori dei singoli fascicoli nelle decisioni editoriali e possono eventualmente indicare all’autore correzioni e accorgimenti atti a migliorare il manoscritto.
• I manoscritti ricevuti per la revisione non devono essere mostrati o discussi con chiunque non sia previamente autorizzato dal direttore e dal coordinatore.
• I revisori devono esprimere le proprie opinioni in modo chiaro e con il supporto di opportune argomentazioni.
• I revisori non devono accettare manoscritti nei quali abbiano conflitti di interesse derivanti da rapporti di collaborazione o di altro tipo con gli autori.


3) Doveri degli autori


• Gli autori devono garantire l'originalità delle loro opere e, qualora venga utilizzato il lavoro e/o le parole di altri autori, accettarsi che queste siano opportunamente citate.
• Gli autori di articoli basati su ricerca originali devono presentare un resoconto accurato della ricerca svolta.
• L’autore che presenta l'articolo deve garantire che tutti gli eventuali coautori siano inclusi nel manoscritto, che abbiano visto e approvato la versione definitiva trasmessa alla rivista per la pubblicazione.
• Qualora un autore riscontri errori significativi o inesattezze nel suo articolo pubblicato ha il dovere di comunicarlo tempestivamente al direttore e al coordinatore scientifico della Rivista e cooperare con gli stessi al fine di ritrattare o correggere il manoscritto.


4) Conflitto d’interessi


• Il direttore e il coordinatore del comitato scientifico della Rivista sono preposti a gestire nel miglior modo possibile, in particolare tramite il sistema dei revisori anonimi in doppio cieco, eventuali conflitti d’interessi; agli autori può essere richiesta una dichiarazione a tal riguardo.

Licenza Creative Commons Gli articoli pubblicati su questo giornale sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia. Agli autori non sono richiesti contributi economici.

Archivio numeri

Filosofi(e)Semiotiche, rivista scientifica Open Access, pubblica due numeri l'anno, raccolti in un volume.

Numero corrente

Vol. 4, N. 2 (Dicembre 2017)

La dimensione pragmatica nella comunicazione interculturale

Editor: Anna De Marco (Università della Calabria)

SOMMARIO

ARTICOLI

1. Per formare una credenza tra Peirce e Ortega y Gasset Ambra Benvenuto

2. Possibilità del dis-conoscimento: la funzione degli atti linguistici in relazione alla negazione del riconoscimento intersoggettivo Valeria Dattilo

3. La comunicazione interculturale: la cortesia linguistica in una prospettiva cognitivista Anna De Marco

4. Comunicazione e autoreferenzialità. Le diverse valenze del significato nelle relazioni interculturali Alfonso Di Prospero

5. Elogio della force d’intercourse. Una nota su Saussure e la pragmatica interculturale Emanuele Fadda

6. La leva dialettale Antonio Mastrogiacomo

Intersezioni

7. La verosimile finzione del testo narrativo Giorgio Lo Feudo

__________________________________________________________________

Vol. 4, N. 1 (Luglio 2017)

La lingua come luogo, il luogo come lingua. Per una teoria della cittadinanza “accessibile”

Editor: Donata Chiricò (Università della Calabria)

SOMMARIO

ARTICOLI

1. L'architettura nei videogames è solo nei codici? Ambra Benvenuto

2. Parole parole parole. Dell'inaccessibile cecità di coloro che sentono e parlano Donata Chiricò

3. I luoghi del soggetto: Aristotele e Benjamin Valeria Dattilo

4. Comunicazione e didattica tra affordance e testualità Giorgio Lo Feudo

5. La lingua fuori luogo e la sua accessibilità, ovvero: del luogo poetico Out of Place Language and Its Accessibility, namely the poetic Place Valerio Marconi

6. Grandi stazioni come case di sogno della collettività Antonio Mastrogiacomo

7. Facciamo un po' di strada assieme Giovanni Mazzuca

8. ‘Lingua’, luoghi, nonluoghi: un inconscio fuori luogo? Appunti sulla sostanza hjelmsleviana e la χώρα platonica Vittorio Ricci

__________________________________________________________________

Vol. 3, N. 2 (Dicembre 2016)

SEMIOTICA DEL TESTO. STATO DELL'ARTE E PROSPETTIVE

Editor: Maria Pia Pozzato (Università di Bologna)

SOMMARIO

ARTICOLI

Prefazione al numero Maria Pia Pozzato

1. Il percorso e le api. Analisi di un segmento poetico di Andrea Raos Daniele Barbieri

2. L’Apparizione a Maria Maddalena tra testo letterario e testo pittorico. I Noli me tangere dell’Imitatore di Andrea Mantegna e di Sandro Botticelli Marta Battisti

3. La prospettiva semiotica nell’analisi di uno spazio di consumo. Il caso della boutique effimera di Chanel Marianna Boero

4. Una situazione semiotica aperta: il rapporto tra le teorie di Eco e le pratiche artistiche contemporanee Valeria Dattilo

5. La Venere che non ti aspetti. Analisi di un’immagine fotografica di Beatrice Vio Emanuele Fadda

6. Il sentiero nel bosco e il percorso generativo Guido Ferraro

7. Incipit ed equilibri testuali: alcune tipologie a confronto Giorgio Lo Feudo

8. “Como una luna en el agua”. Forma e ritmo semantico nel capitolo 7 di Rayuela di Julio Cortázar Daniela Panosetti

9. Shaun Tan, L’Approdo. Il soggetto, il reale e la semiotica Marta Pellegrini

10. La semiotica letteraria dal formalismo alla socio semiotica Maria Pia Pozzato

RECENSIONI

11. Il narratore, strattonato tra Baricco e Benjamin Ambra Benvenuto

_______________________________________________________________

VOL. 3, N. 1 (Luglio 2016)

RIFLESSIONI SULLA SCRITTURA

Editor: Massimo Prampolini

SOMMARIO

ARTICOLI

1. Astrazione e scrittura Massimo Prampolini

2.  Per una semiotica delle pratiche di scrittura: gli amuleti etiopici Matteo Baraldo

3. Una penna ed un foglio: le relazioni interpersonali in età evolutiva attraverso le rappresentazioni grafiche Fabiola Bonora

4. Semiotica della scrittura Cosimo Caputo

5. Toccare la parola. Barthes sul «senso ottuso» Giuseppe D'Acunto

6. La parola di Dio e le parole del giuramento nelle Sacre Scritture: dall’antichità a oggi Valeria Dattilo

7. Una scrittura a-linguistica? Qualche riflessione a partire da Peirce Emanuele Fadda

8. #hashtag: scrivere nell’epoca dei social media Riccardo Finocchi, Michela Paglia

9. Dal gesto alla parola: Roland Barthes tra iscrizione, archiscrittura e oralità Giorgio Lo Feudo

10. La Parola di Dio e la semiotica della Scrittura in Edith Stein Valerio Marconi

11. Quattro tesi per la scrittura. Dai pregiudizi della linguistica a quelli delle neuroscienze Antonio Perri

12. Scrittura e rappresentazione della lingua: immagine o modello? Matteo Servilio

13. Gli effetti dei nuovi media sulla scrittura giornalistica contemporanea: analisi linguistica comparativa di un corpus di articoli de “La Repubblica” Simona Tagliaferri, Anna De Marco

_______________________________________________________________

VOL. 2, N. 2 (Dicembre 2015)

SEGNO, REALTÀ, REFERENTE

Editor: Luca Peloso (Università dell’Insubria)

SOMMARIO

ARTICOLI

1. La forza performativa della parola sacra. Un caso emblematico: il giuramento Valeria Dattilo

2.  L’enigma degli “oggetti” nel Tractatus logico-philosophicus Alfonso Di Prospero

3. Nomi e Cose, ovvero Segni e Oggetti. La Corriera stravagante della denotazione Romeo Galassi

4. Il pasto nudo della metafisica: matematica e narrazione in Meillassoux e Florenskij Marina Guerrisi

5. La realtà come traduzione. Percezione e senso delle cose Giorgio Lo Feudo

6. Dire la Realtà: possibilità di una semiologia e di una fenomenologia della mistica Valerio Marconi

7. “Semi patemici” - Linguaggio e percezione delle emozioni Giuseppe Palazzo

8. Scienze del segno e amore per la realtà. Ovvero, Pasolini e la semiotica Luca Peloso

9. “I ENTERED WHERE I KNEW NOT”. Semiotic approaches to Saint John of the Cross’ poetry Alberto Quero

10. Nomi vs cose nel Cratilo di Platone Vittorio Ricci

11. Metamorfosi della merce e struttura del segno in Jean Baudrillard G. Battista Vaccaro

_______________________________________________________________

VOL. 2, N. 1 (Luglio 2015)

LA DIALETTICA TRA LINGUAGGIO E LINGUE: NATURA E CULTURA

Editor: Valeria Dattilo (Università della Calabria)

SOMMARIO

ARTICOLI

1. Ecart, valeur(s) et configurations magmatiques du sens. Saussure et Castoriadis entre sémiologie et philosophie de l’esprit Antonino Bondì

2. Io parlo: il linguaggio e il problema dell’origine a partire da Saussure Valeria Dattilo

3. Weltanschauung sémiotique, l’exemple d’un objet complexe Sebastián Mariano Giorgi

4. Lingua e linguaggio. Alcune brevi riflessioni sulla “natura” simbolica dell’essere umano Giorgio Lo Feudo

5. Una riflessione a partire dal film “Il sale della terra”. Sebastiao Salgado fotografo tra natura e         cultura, linguaggio e cambiamento sociale Marta Pellegrini

6. Con Lévi-Strauss oltre Lévi-Strauss. Linguaggio, lingua e pensiero simbolico nell'antropologia sociale di Alan Barnard Luca Peloso

7. Humanitas et universitas: il binomio finale dei Fondamenti hjelmsleviani Vittorio Ricci

8. L’intelligenza linguistica del mondo Gianmaria Tarasi

INTERSEZIONI

9. La semiosi dell’Antropocene. Riflessioni tra geoetica e semiotica a partire dal triangolo di Peirce Francesco De Pascale, Valeria Dattilo

RECENSIONI

10. Valentina Chepiga, Estanislao Sofia (a cura di), Archives et manuscrits de linguistes, Louvain-la-neuve, Academia L’Harmattan (Sciences du langage: carrefours et points de vue n° 13), 2014, 190 pp. ISBN 978-2-8061-0151-8. Lorenzo Cigana

_______________________________________________________________

VOL. 1, N. 1 (Dicembre 2014)

SEGNI IN AZIONE: SGUARDI, GESTI, PAROLE

Editor: Giorgio Lo Feudo (Università della Calabria)

SOMMARIO

ARTICOLI

1. Dal segno arbitrario al tatto. Condillac e l’origine naturale del linguaggio umano Giorgio Coratelli

2. Parlare come ascoltarsi. L’estesiologia dello spirito di Plessner Giuseppe D’Acunto

3. Il ruolo performativo del giuramento: i suoi effetti in relazione alla violenza e alla natura aggressiva dei sapiens Valeria Dattilo

4. La logica del gesto: un confronto tra la picture-theory di Wittgenstein e il concetto di comunicazione analogica in Bateson Alfonso Di Prospero

5. I segni della danza tra azione, testo e significazione Giorgio Lo Feudo

6. Improvvisazione e incorporazione. Note tra enattivismo e sociosemiotica a partire dalla Conduction di Butch Morris Gabriele Marino, Vincenzo Santarcangelo

7. Mimesi e Diegesi. Narrazione e azione nel testo Giuseppe Palazzo

8. Cose da non fare con le parole. Il dibattito tra Alexis Burgess e David Foster Wallace a proposito di descrittivismo e prescrittivismo Luca Peloso

9. Aporetic description. Inverse descriptions patterns in “The Sleeping Beauty’s airplane”, by Gabriel García Márquez Alberto Quero

10. Wittgenstein: gesto e infinito Emanuele Rainone 

11. Comunicazione corporea nei non vedenti: funzione e ruolo nei processi di acquisizione linguistica Valentina Saccà

12. La semantica cognitiva e la teoria coerentista e corrispondentista della verità Gianmaria Tarasi

INTERSEZIONI

13. Le azioni nella danza: “La madre di tutte le arti” Elisabetta Aiello

  Licenza Creative Commons Gli articoli pubblicati su questo giornale sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia. Agli autori non sono richiesti contributi economici.

Contatti

Indirizzo e-mail: filosofiesemiotiche.ilsileno@gmail.com;

Contatti: c/o Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università della Calabria. Ponte Pietro Bucci-Cubo 18c (VI piano), 87036 Arcavacata di Rende (CS)-





Licenza Creative Commons Gli articoli pubblicati su questo giornale sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia. Agli autori non sono richiesti contributi economici.